Previsioni meteo , , 0°C

NOTE E PRIVACY

Le strade di Ostia: Villa di Plinio

Le strade di Ostia: Villa di Plinio
settembre 26
15:07 2013
Resti della villa di Plinio

Resti della villa di Plinio

Passeggiando per la pineta di Ostia è facile imbattersi nei lastroni antichi della Via Severiana. Fu chiamata così perché voluta dall’imperatore Settimio Severo per collegare Porto (attuale Fiumicino) alla cittadina di Terracina. La strada era di importanza vitale in quanto nata per far arrivare la calce dai monti Lepini per la manutenzione del porto di Ostia. Successivamente fu utilizzata anche a scopi commerciali.
Con la nascita di numerose ville, che durante l’età repubblicana si erano andate a moltiplicare nella zona che va da Ostia a Torvaianica detta della Palombara, la strada cominciò a diventare arteria importante per raggiungere quei luoghi di villeggiatura e di riposo. Tra queste ville, ancora oggi, si notano i resti della Villa di Plinio il giovane, che ha dato il nome anche alla strada che va dal canale dei Pescatori sino oltre la torre antincendio attraversando la Cristoforo Colombo.
(Plinio il giovane era chiamato cosi per distinguerlo da suo zio Plinio il vecchio, un po’ come succede oggi con i due Letta.)

Qual’è la curiosità di questa notizia?

E’ che la villa in questione non è del famoso scrittore Plinio il giovane ma di un mediocre avvocato di nome Quinto Ortensio Ortalo che si era addirittura posto a suo tempo come competitor di un certo “Marco Tullio Cicerone“.

Nemmeno la storia ha voluto far onore al povero Ortalo negandogli persino la strada di casa.
Da queste parti funziona così, per dirla come direbbero a Napoli: “Fatte ‘o nome e freghetenne”.

A. N.

Related Articles

Cerca nel sito

Log In

Seguici anche su

Commenti recenti

    Calendario articoli

    gennaio: 2019
    L M M G V S D
    « apr    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

    RSS Notizie dall’Italia e dal mondo