Previsioni meteo , , 0°C

NOTE E PRIVACY

Il Mitreo delle Sette Porte (di Stefano Gambioli)

Il Mitreo delle Sette Porte (di Stefano Gambioli)
giugno 30
11:01 2014

Oggi parleremo di uno dei mitrei più belli di Ostia Antica, quello delle “Sette Porte”. Il suo ottimo stato di conservazione è probabilmente dovuto ad una serie di motivi, primo fra tutti il fatto che è chiuso al pubblico. Ovviamente è osservabile dall’esterno, anche se non tutti i particolari sono visibili, ma fortunatamente la parte più importante del mosaico è chiaramente esposta. Il fatto che abbia una tettoia di protezione, a differenza di molti altri mitrei ,ha aiutato a mantenere più vivo il contrasto delle tessere dei mosaici. Per chiunque volesse visitarlo, si consiglia però di studiare bene il percorso, in quanto oltre ad essere uno dei mitrei più distanti, per accedervi, bisogna per forza passare su di una stradina di servizio non segnalata. Potremmo quindi parlare di un viaggio alla scoperta di un tesoro!

La sua struttura è quella tipica, con corridoio centrale, bancate laterali e nicchia sulla parete di fondo, presumibilmente sopra l’ara sacrificale.

Appena ci troviamo di fronte alla soglia veniamo subito colpiti dalla scena pavimentale. Tutto il sacello è pieno di mosaici decorati, molto belli e pieni di simbolismo, ma il primo  impatto è quello più incredibile. Vediamo infatti un colonnato con archi, che formano una serie di sette porte, la centrale delle quali è più alta rispetto alle due serie di tre, poste ai lati. Proprio al centro della settima porta pende dal soffitto una lucerna. Non abbiamo una prova concreta di che cosa si tratti, ma con ogni probabilità è un chiaro riferimento ai gradi dell’iniziazione mitraica, tra i quali il più importante, il settimo, il “Pater”,   rappresenta una sorta di illuminazione: concetto questo che  si sposa perfettamente con un culto iniziatico di origine orientale. Il Disegno copre quasi tutta la superficie del corridoio, quasi a voler indicare che il passaggio, cioè le porte, danno accesso al corridoio, il cammino dello spirito verso l’immortalità.

La prima particolarità che osserviamo è all’inizio delle bancate dove troviamo i resti di due colonnine con i mosaici di Cautes e Cautopates. Probabilmente la struttura, che fu ricavata da un vecchio edificio, non poteva essere modificata strutturalmente, e quindi fu trovata una soluzione artistica, bella e funzionale ai fin del culto. Purtroppo le colonnine sono andate perdute col tempo, e oggi ci rimangono solo i basamenti con l’inizio dei mosaici che le decoravano, da cui possiamo capirne i soggetti.

Sul basamento delle postazioni degli adepti, ci sono poi raffigurazioni a coppie di Marte e Mercurio a sinistra, e Luna e Venere a destra. Questo aspetto è molto interessante perché suggerisce l’ipotesi che durante i rituali vi fossero posizioni precise che gli adepti di vario grado dovessero assumere. Ovviamente questa è solo una sola ipotesi non suffragata da dimostrazioni archeologiche o letterarie.

Meno visibili dall’esterno, al centro del mosaico pavimentale, si trovano quattro elementi molto interessanti. Troviamo infatti un uccello, un vaso per l’acqua, un serpente ed una saetta. Vediamo quindi un chiarissimo richiamo ai quattro elementi, il vaso per l’acqua, l’uccello per l’aria, il serpente per la terra ed il fulmine per il fuoco. Ovviamente sappiamo che nelle culture antiche i quattro elementi avevano un ruolo molto importante, ma obbiettivamente non abbiamo testimonianze sulla concezione mitraica di essi. Risulta ovvio che nella cultura romana dell’epoca essi avessero un ruolo importante, sia dal punto di vista filosofico che religioso.

Seguendo sul pavimento troviamo una piccola buca circolare, che probabilmente era la piccola “Fossa Sanguinis”,  dove si raccoglieva appunto il sangue dell’animale sacrificato. Si intravede poi una figura che rappresenta Giove.

Alla luce di quanto detto vediamo che mancano ancora i due gradi più importanti della gerarchia, ovvero l’Heliodromo ed il Pater. Per quanto riguarda il grado del sole, alcuni importanti autori scrivono che probabilmente si trovasse un qualche suo simbolo nella nicchia in fondo al mitreo, ma in realtà questa è più una deduzione dovuta alla logica, vista la comune e continua presenza di questo simbolo, che una reale prova archeologica.

Quello che ci interessa di più in realtà, è però una figura posta sul pavimento appena sotto la parete di fondo e che dall’esterno non è assolutamente visibile. Per poter vedere questa immagine infatti bisogna per forza entrare all’interno della struttura, cosa facilmente effettuabile,  richiedendola presso i custodi del sito archeologico. Questa immagine raffigura un vecchio barbuto, il Pater, Saturno, per cui non si può non pensare alle immagini nettamente più tarde che richiamano la figura del Dio cristiano.

Proprio da questa immagine vogliamo prendere spunto per cominciare a parlare di tutte le analogie e le differenze che c’erano tra il mitraismo ed il cristianesimo. Dobbiamo ricordare infatti che nel secondo secolo, le due religioni erano molto diffuse a Roma, e se fino al quarto secolo, non vi furono mai scontri manifesti, in realtà entrambe concorrevano per ottenere il potere a Roma, un potere il cui discriminante spesso e volentieri era l’imperatore stesso, come Caracalla o Costantino.

Un esempio interessante di come in realtà queste due religioni si assomigliassero per molte ragioni può essere la data di nascita delle due divinità, Mithra e Gesù, che nacquero entrambi il 25 dicembre. Ovviamente vi è una spiegazione razionale che va molto oltre la semplice coincidenza: quella data rappresenta la vittoria del sole sulle tenebre, aspetto che era osservabile dall’uomo, visto che le giornate cominciavano ad allungarsi nuovamente.

Un altro interessante particolare sono i sette gradi, che fanno parte di entrambi i culti, e di cui parleremo nell’altro importante mitreo, quello delle “Sette Sfere”……

Stefano Gambioli

www.rerosso.org

Related Articles

Cerca nel sito

Log In

Seguici anche su

Commenti recenti

    Calendario articoli

    marzo: 2019
    L M M G V S D
    « apr    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

    RSS Notizie dall’Italia e dal mondo