Previsioni meteo , , 0°C

NOTE E PRIVACY

….Un italiano vero!

….Un italiano vero!
febbraio 08
09:57 2014

L’ultimo dei galantuomini, il mio amico Giorgio Bertusi, ci regala la sua radiografia dell’uomo che ha condizionato la vita, nel bene e nel male, dei nostri ultimi vent’anni. Lo fa viaggiare attraverso le foto che ognuno di noi ha impresso nella sua mente come un continuo raffronto fra il giusto e l’errato, fra il bene e il male, fra il virtuoso ed il peccaminoso.
In questa sua retrospettiva c’è tutto il senso del suo pensiero.
Per la rubrica ” I fatti miei”

A. N.

Da un’idea di Giorgio Bertusi

 

qe

Collaudo di un enorme quadro elettrico nel nuovo Istituto Universitario.
L’energia elettrica manca in tutto l’edificio.
Nella sala comendi si forma un nutrito gruppo di tecnici, professori, tutti davanti a leve, interruttori, pulsanti, Voltometri e Amperometri, tutti alla critica.
Frasi farcite da: “Lo dicevo io…non si può andare avanti così…
Bisognava fare…
sotto accusa gli appalti, le assegnazioni, le gare pilotate.

Nessuno si salva, proprio come oggi!
Seguendo gli schemi, senza stare a sentire gli astanti, ragionando, pressato un pulsante, un gran rumore come un piccolo tuono, un colpo d’ariete, i teleruttori d’allora quando chiudevano il circuito emettavano una forte deflagrazione e la corrente, come un fiume in piena.”illumina d’immenso”, tutta la facoltà.
Nella parte anteriore del quadro elettrico non vi era più anima viva. I critici, i competenti più vicini, erano scappati, arrivati all’ingresso dell’Istituto.

duce
Uomini coraggiosi, pronti alla critica, pronti alla fuga, lesti a girar spalle e pensiero alla prima difficoltà.
Proprio come oggi!
Molti fanno cadere nel dimenticatoio fatti e misfatti di un epoca, di un’”era“, per nostra fortuna passata, che non va mandata a futura memoria.
La storia deve essere Verità, arricchimento della nostra conoscenza, solo così sarà utile, non farà ripetere gli stessi errori!
Bisogna ricordare quei momenti e farne tesoro.
Rammentare che per uscire di sera, nelle notti buie, bisognava appuntarsi una vistosa mosca fosforescente sul bavero per non scontrarsi tra pedoni.
Bisognerebbe avere presente la carta da zucchero blu incollata sui vetri delle finestre per oscurarle affinché non trapelasse luce per i bombardamenti. Le file per acquistare un pacchetto di sale, la tessera Annonaria con i bollini per prendere il pane, una cirioletta, una michetta, esaurita prima di mezzogiorno. Rimembrare la “BORSA NERA !
Il cupo ripetersi delle sirene, il capo palazzo bacchettava gli inquilini, fez in testa e stivaloni lucidati a cera, spingendoli nel rifugio antiaereo.

forni
All’arrivo degli americani, da gran trasformista era copia scannerizzata di partigiano.
Sono da annoverare nella disanima del carattere italiano nefandezze che non ci fanno onore, in ALbania, in Grecia, in Libia.
Truppe che si sono macchiate di turpitudini prima, seguite, da meritevoli iniziative, le più disparate.
Genio e sregolatezza vivono nell’insieme dell’italiano medio.
Sa strillare quando è in gruppo, alle prime avvisaglie di pericolosità fa retromarcia, cambia casacca si adatta, si adegua alle nuove regole.

aerei1
Sa essere un pecorone, sta sempre con il vincitore.
Cammina con petto in fuori, passo lungo con le punte dei piedi tendenti al centro, gran saluti, è amicone. Si compiace e nel fervore del discorso aggiusta con continuità il cavallo dei pantaloni.
E’ un galletto con il genere femminile, “Ogni lasciata è persa!”
Quando c’è qualcosa da fare, da obbiettare, da contrastare, ad un palmo da lui, non interessa. Sa essere comprensivo:perchè non me l’avevi detto…telefonami, in qualche modo si risolve…faremo…ho delle conoscenze influenti…vedrai…”

E_in_mezzo_a_San_Lorenzo_spalancò_le_ali
Gran pacche sulle spalle, è un riccio, è un piagnone, è un infingardo, è sicuramente un politico intrigante, non sfugge l’occasione prossima al peccato, per poi battersi lo sterno con copiose lacrime di coccodrillo.
Mostra il petto con i deboli, sa cantare, divertire, è un guascone.
In contrapposizione,”Balilla, divino monello Tu balzi foriero…, lancia un sasso…Attilio Regolo giù nella botte irta di chiodi…, migliaia di ebrei salvati da Giorgio Perlasca; Muzio Scevola brucia la mano che ha sbagliato bersaglio… Il carabiniere Salvo D’Acquisto, si sacrifica per salvare innocenti.

SALVO-DACQUISTO-Torre-Perla-di-Palidoro-FiumicinoRoma
Pronto in qualsiasi raccolta fondi per aiutare il prossimo, un vulcano d’iniziative, inventore, marinaio, pieno di se, bugiardo…
“Qui lo dico e qui lo nego”. Dice e disdice…giura sulla mamma…non l’ha mai detto…è un gran raccontatore di fatti, di barzellette…e …quant’altro,

americani_a_roma_2_d0
Nei momenti critici trova l’umore per ripartire, lo slancio per una nuova iniziativa. Intrallazza con il più forte, non sta troppo a guardare con chi, lo adula, lo asseconda quando tutto va bene, di dietro ne sparla.
Esce sempre vincente, se ha i lividi in tutto il corpo, se finisce KO dice:
L’arbitro ha contato troppo in fretta”

ha sempre da ridire, pronto ad affermare, a negare.

Soluzioni alternative tempestive.

Non tiene mai conto di chi paga…Lui è una mammola si sa destreggiare in tutti i campi, conosce le soluzioni e i doveri altrui, i suoi …un po’ meno.
E’ un italiano vero!
Riconosciamo in questo cockail di umanità un popolo di navigatori, poeti…?
Venderebbe la pelle al diavolo pur di portare utili all’azienda.
L’Italia non è un’impresa, è un grande baobab con tanti rami secchi, che non possono, che non devono essere tagliati, indirettamente danno i loro frutti.
Ha un approccio di sufficienza con il genere femminile, ha il dono, pur idealizzandole, di sottovalutare le donne, non gli fa terminare un discorso. Le interrompe sempre; è un superman borioso, pieno di se.

 

gran-gala-ostia

 

Non si lascia sfuggire l’occasione di parlare di sesso.
Un pallone gonfiato, si loda e si sbroda; è uno sbrasone…buono.
Pieno di slanci, di umanità, fanatico, bullo…fautore geniale di progetti, un cuore grande come una casa, è ospitale, può essere anche un amico sincero,qualsiasi fatto negativo gli scivola addosso.
E’ L’ITALIANO VERO!

Partigiani1

 

Arriverà un giorno il bacio di un nuovo principe azzurro o di una principessa che ci risveglierà da un letargo che dura sempre…immancabilmente…massimo vent’anni…Torneremo ad essere:

Un popolo di poeti, di artisti, di eroi, di santi, di pensatori, di scienziati, di navigatori, di trasmigratori”,

…IN UNA ITALIA CHE VA!!!

roma_eur_9940

 

Related Articles

Cerca nel sito

Log In

Seguici anche su

Commenti recenti

    Calendario articoli

    maggio: 2019
    L M M G V S D
    « apr    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    RSS Notizie dall’Italia e dal mondo

    • I sindacati si battano per un salario legato alla green economy 19 maggio 2019
      L’appello all’unificazione dei sindacati lanciato dal segretario della Cgil, Maurizio Landini, il primo maggio dalla piazza di Bologna è chiaramente un tentativo di togliere la rappresentanza sindacale dalla lunga notte nella quale è immersa: organizzazioni sindacali in costante perdita di associati, incapaci di fare i conti col nuovo mondo del lavoro, fuori […]
    • Salvini a Papa Francesco: “Bisogna fare, non parlare. I morti in mare sono diminuiti”. Fischi dalla piazza per Bergoglio 19 maggio 2019
      Prima la citazione di De Gasperi, secondo cui “un politico deve fare, non parlare”. Poi l’attacco diretto a Papa Francesco: “Anche a sua Santità, che oggi ha detto che bisogna ridurre i morti in mare. Bene, noi li abbiamo ridotti”. Da piazza del Duomo, dove Matteo Salvini ha chiuso la manifestazione in vista delle Europee […] L'articolo Salvini a Papa F […]
    • Europee, Pietro Bartolo candidato nel Pd: mi chiedo quale schizofrenia ci sia dietro 19 maggio 2019
      In questi giorni è virale il post su Facebook di una studentessa di Medicina dell’Università di Modena che racconta con parole vivide di aver assistito a una lezione universitaria del dottor Pietro Bartolo, il “medico dei migranti” di Lampedusa. Leggiamo del suo apprendere, dapprima con distrazione, poi con crescente coinvolgimento, come sempre accade davant […]