Previsioni meteo , , 0°C

NOTE E PRIVACY

C’è qualcosa che manca in via Mar Rosso…

C’è qualcosa che manca in via Mar Rosso…
gennaio 10
19:56 2014

Mi affaccio da venticinque anni dal mio balcone e sono venticinque anni che ho l’impressione che manchi qualcosa dallo scenario che mi appare.

Non deve essere importante perché sembra che non interessi a nessuno, eppure oggi mi voglio riaffacciare con il sano proposito di capire cos’è…

Sento che sta per venirmi la parola, sento un leggero fremito sulla lingua, guardo, riguardo, scruto con attenzione, la strada trafficata, macchine posteggiate, il prato, i lampioni…e il marciapiedi?

Il marciapiedi, ecco cosa manca; sono venticinque anni che manca il marciapiedi.

Nelle sue due varianti, più o meno comuni, con la e o con la i finale, sia se voglio dare importanza alla pluralità dei piedi o se voglio riferirmi alla singolarità del laterizio.

Il marciapiedi.

Potrebbe essere un’idea; fare un marciapiedi che colleghi l’entrata del mercato di Via Mar Rosso alla ex scuola “Passeroni”.

Effettivamente su tutta la via c’è in entrambi i lati…solo sotto il mio balcone manca….

Adesso che sono riuscito finalmente a mettere a fuoco la tessera mancante, dovrei concentrarmi per capire il perché.

Vediamo.

Che si voglia favorire una piccola discarica, dovuta a qualche appassionato di cianfrusaglie che lascia i residui della pesca miracolosa nei capaci secchioni?

Incentivare qualche cagnolino a preferire il lato senza il marciapiedi, per espletare le urgenze fisiologiche, piuttosto che dare soddisfazione al proprietario di farsi lasciare la sua fotografia immortalata sul grigio marciapiedi ?

Forse il pedone è un utente della strada in via d’estinzione? Chi è che va più a piedi, abituati come siamo a spostarci con le auto?

Eppure fare un marciapiedi potrebbe essere conveniente per la sicurezza stradale.
I ragazzi che vanno a scuola potrebbero utilizzarlo in sicurezza, la carreggiata si ridurrebbe, frenando la voglia di centauri e piloti a spingere sul gas mettendo a repentaglio l’altrui e propria incolumità.

Lo scenario dal mio balcone sarebbe completo.

Chissà se sono solo io a sentire questa mancanza oppure è condivisa anche dagli altri abitanti della via?

Chissà se qualche politico del nostro Municipio ha notato anche lui questa incongruenza?

Per adesso richiudo la finestra e rientro in casa; sul balcone comincia a far freddo.

A. N.

10/1/2014

 

 

 

 

 

 

1600056_10202378616574449_1545352909_n

1598452_10202378604294142_1716614479_n

1555654_10202378633294867_617063962_n

1552768_10202378608574249_1096296738_n

1544143_10202378622894607_256660556_n

Related Articles

Cerca nel sito

Log In

Seguici anche su

Commenti recenti

    Calendario articoli

    maggio: 2019
    L M M G V S D
    « apr    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    RSS Notizie dall’Italia e dal mondo

    • I sindacati si battano per un salario legato alla green economy 19 maggio 2019
      L’appello all’unificazione dei sindacati lanciato dal segretario della Cgil, Maurizio Landini, il primo maggio dalla piazza di Bologna è chiaramente un tentativo di togliere la rappresentanza sindacale dalla lunga notte nella quale è immersa: organizzazioni sindacali in costante perdita di associati, incapaci di fare i conti col nuovo mondo del lavoro, fuori […]
    • Salvini a Papa Francesco: “Bisogna fare, non parlare. I morti in mare sono diminuiti”. Fischi dalla piazza per Bergoglio 19 maggio 2019
      Prima la citazione di De Gasperi, secondo cui “un politico deve fare, non parlare”. Poi l’attacco diretto a Papa Francesco: “Anche a sua Santità, che oggi ha detto che bisogna ridurre i morti in mare. Bene, noi li abbiamo ridotti”. Da piazza del Duomo, dove Matteo Salvini ha chiuso la manifestazione in vista delle Europee […] L'articolo Salvini a Papa F […]
    • Europee, Pietro Bartolo candidato nel Pd: mi chiedo quale schizofrenia ci sia dietro 19 maggio 2019
      In questi giorni è virale il post su Facebook di una studentessa di Medicina dell’Università di Modena che racconta con parole vivide di aver assistito a una lezione universitaria del dottor Pietro Bartolo, il “medico dei migranti” di Lampedusa. Leggiamo del suo apprendere, dapprima con distrazione, poi con crescente coinvolgimento, come sempre accade davant […]