Previsioni meteo , , 0°C

NOTE E PRIVACY

Staminali, proviamo a capirci qualcosa

Staminali, proviamo a capirci qualcosa
dicembre 30
15:51 2013

Il mondo scientifico è diviso ma i genitori dei bambini sottoposti al trattamento delle staminali dimostrano miglioramenti
Di Stefano Lesti

“Non siamo qui per fare una manifestazione ma una conferenza”, così hanno affermato i genitori dei bimbi affetti da gravi malattie neuro degenerative, che hanno sperimentato il cosiddetto “metodo stamina”. Chiedendo nei giorni scorsi di essere ascoltati, mostrano ai giornalisti convocati in un hotel di Roma documenti, esami medici, cartelle cliniche e video da cui sembrano emergere miglioramenti per i propri figli. Soprattutto hanno portato la loro osservazione diretta, perché a loro avviso: “non si tratta di una sperimentazione scientifica, ma di cure compassionevoli. Apriamo un dialogo -hanno richiesto a gran voce-, perché nessuno oggi nella scienza ha certezze, per tanto se c’è un minimo di speranza investiamo e andiamo a guardare i risultati”.

Il Prof. Marcello Villanova, dell’Istituto Nigrisoli di Bologna, uno tra  i massimi esperti di SMA1 in Italia, ha dichiarato: “Non sto dalla parte di Stamina Foundation ma con queste famiglie. Le cellule sono arrivate per casualità su bimbi che nessuno avrebbe mai curato, non possono ripristinare la corrente di un filo elettrico spezzato ma stimolano l’attività delle cellule. Non si tratta di una cura ma di un trattamento”.

“Le cartelle cliniche cliniche di Brescia arrivate al Ministero della Salute sono parziali”. Lo ha affermato a Tgcom24 il presidente di stamina Foundation, Davide Vannoni. “I parenti hanno portato i documenti di altri neurologi che sono i loro medici curanti che dimostrano che le cure funzionino. Testimoniano miglioramenti su malattie degenerative, che possono solo andare peggiorando. Io non scapperò dal Italia -ha proseguito Vannoni- e affronterò tutto ciò che ci sarà da affrontare. È da 5 anni che mi dicono che si fa il processo, ma io ancora aspetto. Mi sottoporrò alla giustizia, anche perché sono sicuro che i pazienti hanno avuto miglioramenti reali perché in alcuni casi riescono addirittura a muovere le gambe e a tenere ferma la testa, così come attestano senza alcun dubbio le immagini che i genitori dei piccoli ammalati hanno mostrato nel corso della conferenza stampa di Roma.”

Intanto il ministro della Salute Lorenzin ha annunciato che: “Sarà nominato un nuovo comitato scientifico che dovrà valutare il metodo stamina in esecuzione dell’ordinanza del Tar del Lazio e tenuto conto di quanto indicato dal avvocatura generale dello Stato”. Precisando inoltre che tra i selezionati vi saranno un presidente garante, due esperti di staminali stranieri, e due italiani esperti di interesse sia metabolico che neurologico.
Il ministro ha anche dichiarato che adirà un’azione legale contro le affermazioni del vicepresidente di Stamina Foundation, Marino Andolina, sui presunti complotti e consigli che il ministro della Salute avrebbe ricevuto dalla criminalità organizzata. “Le affermazioni di Andolina sono fortemente diffamatorie dell’operato del ministro del ministero stesso.”

Questi i link per approfondire la materia:

http://www.evidenze.com/cellule-staminali/cosa-sono/

http://www.evidenze.com/cellule-staminali/legislazione-italiana/

http://www.evidenze.com/cellule-staminali/problemi-etici/

Related Articles

Cerca nel sito

Log In

Seguici anche su

Commenti recenti

    Calendario articoli

    gennaio: 2019
    L M M G V S D
    « apr    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

    RSS Notizie dall’Italia e dal mondo