Previsioni meteo , , 0°C

NOTE E PRIVACY

Natale sotto il segno dell’Austerity

Natale sotto il segno dell’Austerity
dicembre 26
15:47 2013

fattiincasaNon poteva essere altrimenti.

L’allarme lanciato dalla Confcommercio si è puntualmente verificato.

Gli Italiani hanno speso l’8% in meno per allestire il cenone natalizio.

 

Ad Ostia, come nel resto della città, le cose sono andate anche un pochino peggio.

Le primissime stime parlano di una contrazione di quasi il 10 % rispetto allo scorso anno per le spese alimentari.

Dalle tavole dei lidensi sono pressoché scomparse ostriche, chamagne, salmone, mentre si sono riaffacciate con prepotenza i piatti tipici della nostra cultura.

Mai, come negli ultimi dieci anni, le nostre donne hanno passato cosi tanto tempo  fra i fornelli.

L’hanno fatta da padrone i dolcetti ed il pane fatti in casa. Facebook è diventata la vetrina dei vari manicaretti sfornati e fotografati per condividerli con parenti ed amici.

Si è speso di meno ma ne ha guadagnato lo spirito natalizio.

D’altronde l’attuale politica sta incoraggiano i cittadini di fare di necessità virtù.

Se il Natale ci ha ritrovato un po’ più poveri ma un po’ più felici, aspettiamo di vedere cosa ci porterà il prossimo Capodanno.

 

 

A. N.

 

 

Related Articles

Cerca nel sito

Log In

Seguici anche su

Commenti recenti

    Calendario articoli

    aprile: 2019
    L M M G V S D
    « apr    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

    RSS Notizie dall’Italia e dal mondo

    • La mia guerra segreta, il nuovo libro di Philip Ó Ceallaigh canta della marginalità 19 aprile 2019
      Sei scivolato sulla tua stessa merda allora, Pelou, pensa Aidan. Da queste parti non si usa: una tradizione contadina, chi si loda si sbroda. Non siamo americani, non ancora. Magari l’anno prossimo. A Bucarest, durante uno dei numerosi workshop di scrittura e fotografia che organizziamo con Mille Battute, ho avuto il piacere di portare i […] L'articolo […]
    • Debito pubblico? Meno male che c’è! 19 aprile 2019
      In questi giorni in cui è da poco uscito il Def (Documento di economia e finanza), tutti siamo preoccupati perché il nostro Paese appare in grande difficoltà, con recessione in atto, diminuzione degli occupati e debito pubblico esplosivo. Un amico mi ha però fatto notare che, in qualche misura, il grande debito pubblico impedisce ai […] L'articolo Debit […]
    • Emissioni marittime, 50mila morti e 60 miliardi di spese sanitarie in Ue. E Francia e Spagna adottano aree di controllo 19 aprile 2019
      Mentre l’Italia resta a guardare, è stato pubblicato un nuovo studio condotto dallo IIasa (International Institute for Applied System Analysis) per conto della Commissione Europea per valutare costi e benefici dell’adozione di nuove aree di controllo delle emissioni per gli ossidi di zolfo e di azoto L'articolo Emissioni marittime, 50mila morti e 60 mil […]