Previsioni meteo , , 0°C

NOTE E PRIVACY

L’urtima zia

L’urtima zia
ottobre 27
08:53 2013

di Alex Nasetti

mostra al centro anziani di Crema 2005

Sto chiuso ‘n casa co’ tutti l’antenati
che dar muro da’ sala me guardeno ammiccati
“Zi’ Paoli’ te ricordi quanno te ne sei ‘nnata?
C’avevo tredici anni e poco più”
Mi padre che piagneva e me dicevo…
“Ma che se lagna se nun la vedeva mai”…
Eri l’urtima zia che glie restava.

Oggi zia Nina se n’annata
nun pensavo a stà svorta da famija
Lei era l’urtima zia che me restava
nun la vedevo spesso
ma l’ho sempre amata
della casata era la storia
che ner per peso dell’anni l’ha debilitata.

Ora de mi padre capisco l’umore tale
lo spaventava er cambio generazzionale
semo cresciuti e davanti a noi
nun ce so più vecchi;
li vecchi semo noi
Sto a piagne come n’pupo mamma mia.
Perchè l’urtima zia se n’annata via

Pensa che festa oggi in paradiso
t’avranno tutti accorto cor sorriso
io qui solo sto a pensà
che sta rota della vita n’se po’ fermà
Dar muro l’avi continueno a guardà
l’occhi severi de chi nun vo’ aspettà
Ho capito, va be’, me devo preparà.

Related Articles

Cerca nel sito

Log In

Seguici anche su

Commenti recenti

    Calendario articoli

    gennaio: 2020
    L M M G V S D
    « apr    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031